Il bonsai di ginepro.

Consigli per la coltivazione del bonsai di ginepro

Il Ginepro è una delle piante più apprezzate nell’arta del bonsai. La sua fama è dovuta soprattutto alla forma che può assumere, caratteristica che lo contraddistingue da altre piante bonsai.
Il bonsai di ginepro inoltre si presenta come una pianta estremamente resistente che non teme eccessivi sbalzi di temperatura e che, pur restando una pianta da esterni, sopporta qualche giorno in ambienti interni.
Per una corretta crescita comunque è consigliabile un’esposizione al sole e al vento.
Per quanto riguarda l’annaffiatura bisogna prestare particolare attenzione al terriccio: quando si presenta secco è necessario annaffiarlo abbondantemente, ripetendo l’operazione più volte a distanza di pochi minuti per permettere agli strati inferiori di assorbire l’acqua.

La potatura invece dovrebbe essere effettuata in inverno, evitando tagli drastici. Bisogna inoltre prestare attenzione ai rami che si sviluppano presso l’interno, e che si incrociano creando dei grovigli difficilmente risolvibili in età matura, quando la pianta è già molto sviluppata.

Il rinvaso è da eseguire ogni 3 o 4 anni, prestando molta attenzione alle radici, uno degli elementi più fragili della pianta. Il periodo migliore in cui effettuarla è da novembre a marzo.

Giardinaggio facile